Il compleanno di Marco Filiberti

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Il compleanno - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Marco Filiberti - Correzioni/Aggiunte - Video YouTube di Marco Filiberti Il compleanno - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi CD cataloghi prodotti con CDFrontEnd, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina Il compleanno
 
Regista: Marco Filiberti
Titolo originale: Il compleanno
Durata: 106'
Genere: Drammatico
Nazione: Italia
Rapporto:

Anno: 2009
Uscita prevista: Venezia 200928 Maggio 2010 (cinema)

Attori: Alessandro Gassman, Maria de Medeiros, Massimo Poggio, Michela Cescon, Christo Jivkov, Piera Degli Esposti, Thyago Alves, Lynn Swanson
Sceneggiatura: Marco Filiberti

Trama, Giudizi ed Opinioni per Il compleanno (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Roberta Allegrini
Montaggio: Valentina Girodo
Musiche: Andrea Chenna
Effetti speciali: Paola Trisoglio
Scenografia: Livia Borgognoni
Costumi: Eva Coen
Trucco: Ermano Spera

Produttore: Agnès Trincal, Caroline Locardi
Produzione: Zen Zero
Distribuzione: Ellemme Group

La recensione di Dr. Film. di Il compleanno
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Il compleanno
Opinioni e recensioni su Il compleanno, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Il compleanno
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Informazioni e curiosità su Il compleanno

Ha vinto il Premio Serge Leca-Miglior Film-Menzione Speciale Premio dell'Università della Corsica all'Ajaccio Italian Film Festival 2009; il Premio del Pubblico al Siena International Film Festival 2009; i premi Migliore Attore Protagonista
Migliore Fotografia al Busto Arsizio Film Festival 2010.

Note dalla produzione:
UN' INTERVISTA A Marco Filiberti
Quale è stata la genesi del film?
Due le cellule sulle quali ho costruito il progetto: la luce abbagliante della spiaggia di Sabaudia, percepita come figura di una bellezza che stordisce ma non rivela, e un accostamento profondo con il mito scandaloso di Tristano e Isotta riletto da Wagner, espressione parossistica dell’ineluttabilità del destino attraverso i percorsi dell’inconscio.
Riunite dentro di me queste prime istanze, lo sviluppo della scrittura drammaturgica e visiva è stato scorrevole e fisiologico e tutti i sottotesti hanno preso corpo da soli, magicamente.

Da un punto di vista dei generi, come definiresti il tuo film?
Il “colore” del film è quello del dramma, la sintassi è quella del mélo. Quindi la definizione di “melodramma” mi sembra davvero pertinente, anzi parlerei di “melo contemporaneo” perché, all’interno di una dialettica melodrammatica sentita e attuata scrupolosamente (il film lo sento come un omaggio a Douglas Sirk) ho proceduto tutto in sottrazione, verso l’abisso di silenzio e omertà che definisce il clima del film, soprattutto nella seconda parte. Quello che voglio dire è che se solitamente la dialettica melodrammatica è tutta fuori, nel COMPLEANNO è invece molto “dentro”.

La cornice naturale sembra essere molto importante in questo film. Perché la scelta di Sabaudia e del Circeo?
La cornice dove ho ambientato il film, è la spiaggia di Sabaudia ai piedi del Monte Circeo, spazio denso di suggestioni epiche e mitologiche intrise di seduzioni, come quella subita da Ulisse da parte della maga Circe. L’epos è presente in modo inequivocabile nel mio lavoro, è una delle funzioni da me più usate per suggerire un secondo piano di lettura, un altrove che amplifichi il senso di ciò che cerco di fare. Ma Sabaudia è anche un nome che ha rappresentato un “mondo” importantissimo nella recente storia italiana: qui negli anni Settanta, alcune tra le voci più importanti della nostra cultura (basti pensare a Moravia, Pasolini, Bertolucci e la Maraini) si davano appuntamento e qui sono nate opere fondamentali per il cinema e la letteratura di quegli anni. Di quel clima e dei suoi valori estetici e culturali, i protagonisti del mio film hanno nostalgia, una nostalgia che rimanda alla loro adolescenza, ma anche, indirettamente, a quello che è stato l’ultimo momento possibile di una classe intellettuale, portatrice di istanze capaci di compenetrarsi con la società. Mi emoziona molto l’idea che questo film possa essere letto come una metafora dell’occidente o anche solo del mio Paese, teatro di passività e di omertà.

Anche la musica sembra avere una funzione drammaturgica
La suggestione di una sensualità mediterranea fortemente italica si intreccia nel film con un mito decisamente mitteleuropeo, archetipo fondamentale della civiltà romantica, il binomio Amore-Morte, eternato da Wagner nel Tristano e Isotta che è il leitmotiv drammaturgico e musicale della storia.
Quindi, musicalmente, la doppia nostalgia che pervade il film (quella mitologica, ancestrale e quella storica degli anni Settanta) si evince dall’accostamento della musica del compositore tedesco con alcuni successi della musica leggera italiana di quegli anni. In questo clima da “Grande Freddo”, le canzoni presenti attraverso i dischi in vinile o nel rimando interno dei protagonisti, hanno sempre uno stretto legame funzionale al momento emotivo o allo sviluppo drammaturgico dei personaggi.
La musica originale di Andrea Chenna invece, ha una funzione più specificatamente narrativa, legata da sottili rimandi ai sottotesti wagneriani.

Come si è svolto il lavoro con gli attori?
Con ognuno di loro è stato un lavoro specifico, nel rispetto delle diverse sensibilità. Con Massimo Poggio, c’è stato un avvicinamento (anche se dopo un provino folgorante) più delicato, con cautela, perché sapevo di dovergli chiedere moltissimo e il ruolo di Matteo ad un attore può fare molta paura.
Con Alessandro Gassman più di getto, perché quella di Diego è una tipologia che rientra facilmente nelle sue corde, anche se lo ha molto umanizzato, portando alla luce il suo lato infantile, a suo modo irresistibile. Maria de Medeiros ha capito subito che la dolcezza di Francesca è la sua forza, la sua chiave. Abbiamo spesso discusso sul suo totale candore, io lo difendevo (perché credo nell’esistenza di creature quasi incontaminate), Maria lo relativizzava. Poi però, quando girava, era pura come una bambina che ancora non ha visto il male del mondo. Michela Cescon è l’attrice che abbandona tutto per diventare un’altra cosa. Abbiamo costruito insieme il look di Shary e, dopo avere “ucciso la Cescon”, tutto si è sbloccato partendo da un suono, la risata di Shary: sì, possiamo dire che da un suono è emerso il personaggio, come per le “boules de neige” a contatto con l’acqua.
A Christo Jivkov ho regalato il ruolo che avrei fatto io, vinto dal silenzio doloroso del suo viso e dal suo essere anche regista, abbiamo lavorato insieme in modo strano: telefonate fuori orario dove mi diceva dei segreti su Leonard. Ora, per la versione italiana, la mia voce è sul suo viso. Piera Degli Esposti è un pezzo di cinema e di cultura italiana, ma non è un monumento: è una donna viva, con un’emotività a fior di pelle che al primo incontro conosceva già anche tutti gli altri ruoli, e aveva immediatamente capito molte cose “al di là” del testo. Mi avevano detto che non si lascia dirigere: non è affatto vero, Piera adora essere guidata, anche se lei abita un “altrove” che è bello non voler indagare troppo.
Infine Thyago Alves, è stato scelto tra un migliaio di ragazzi tra Milano, Parigi e Roma. Quando arrivavano, li guardavo solo attraverso un monitor, il primo che mi dava una “scossetta” avrebbe fatto i provini. Lui è arrivato timido, impacciato e bello come il sole. Il giorno dopo, mi ha portato sei scene a memoria. Non aveva mai recitato in vita sua, ma era già abituato all’obiettivo. L’ho tenuto in sospeso per due anni e ha fatto nove provini su parte. All’ultimo è arrivato a Roma, sicuro che scegliessimo un altro, demotivato e stanco, è lì che ha vinto. E’ un ragazzo d’oro e gli auguro tanto successo.

[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Il compleanno oppure [+] scrivi recensione e vota Il compleanno

Vota, leggi trama e opinioni su Il compleanno di Marco Filiberti - Torrent, scaricare Il compleanno di Marco Filiberti, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Com'e' bello far l'amore, Colpo d'occhio, Codice Husky, Cherchez Hortense, Cha Cha Cha, Cattedrali della cultura, Carlos, Caos calmo, Cani sciolti

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming