Lourdes di Jessica Hausner

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Lourdes - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Jessica Hausner - Correzioni/Aggiunte - Sito ufficiale italiano di Lourdes - Video YouTube di Jessica Hausner Lourdes - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea i tuoi CD DVD e presentazione azienda con CDFrontEnd, il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina Lourdes
 
Regista: Jessica Hausner
Titolo originale: Lourdes
Durata: 95'
Genere: Drammatico
Nazione: Austria
Rapporto: 2,35:1

Anno: 2009
Uscita prevista: Venezia 2009, 11 Febbraio 2010 (cinema)

Attori: Léa Seydoux, Sylvie Testud, Bruno Todeschini, Irma Wagner, Elina Loumlwensohn, Gilette Barbier, Gerhard Liebmann
Soggetto: Jessica Hausner, Géraldine Bajard
Sceneggiatura: Jessica Hausner

Trama, Giudizi ed Opinioni per Lourdes (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Martin Gschlacht
Montaggio: Karina Ressler

Produttore: Philippe Bober, Martin Gschlacht, Susanne Marian
Produzione: Coop 99, Essential, Parisienne de Production, Thermidor
Distribuzione: Istituto Luce

La recensione di Dr. Film. di Lourdes
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Lourdes
Opinioni e recensioni su Lourdes, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Lourdes
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Voci / Doppiatori italiani:
Laura Lenghi: Christine
Claudia Catani: Cecile
Perla Liberatori: Maria
Sergio Lucchetti: Padre Nigl
Enrico Di Troia: Kuno
Paila Pavese: Sig.ra Olivetti
Anna Rita Pasanisi: Sig.ra Spor
Graziella Polesinanti: Sig.ra Huber

Personaggi:
Gilette Barbier: sorella Hartl
Walter Benn
Aurelia Burckhardt: Nonne
Martin Habacher: pellegrino
Gerith Holzinger: Malteserin
Hubert Kramar: signor Olivetti
Gerhard Liebmann: padre Nigl
Elina Löwensohn: Cécile
Petra Morzé: madre
Martin Thomas Pesl: Frank
Linde Prelog: signora Huber
Léa Seydoux: Maria
Sylvie Testud: Christine
Bruno Todeschini: Kuno
Orsolya Tóth: ragazzo sulla sedia a rotelle
Thomas Uhlir: Max
Irma Wagner: pellegrina
Jackie Wulf: pellegrino

Informazioni e curiosità su Lourdes

Premi:
Ha vinto il Vienna Film Prize come miglior film alla Viennale 2009.

Note dalla produzione:
Osservazioni dell’autore
Lourdes, ambivalenza e assurdità
Il film LOURDES mostra da un lato la fede in un Dio buono e eterno e dall’altro la realtà, arbitraria e effimera. LOURDES è un racconto crudele – fantasticheria o incubo. Malati e moribondi accorrono a Lourdes dai quattro angoli del pianeta per ritrovare la salute.
Sperano in un miracolo, perché è proprio a Lourdes che i miracoli accadono ancora.
Peccato che Dio sia così capriccioso, che dia e tolga a seconda del suo umore e che le sue vie rimangano insondabili. Lourdes è un luogo in cui si afferma l’esistenza del miracolo, un luogo che è sinonimo di speranza, di conforto e di guarigione per i moribondi e i disperati. Eppure, la speranza che a un passo dalla morte tutto possa ancora risolversi
sembra assurda quando la vita arriva alle sue battute finali. Lourdes è il palcoscenico su cui si svolge questa commedia umana : la ricerca della felicità e della pienezza che anima ogni essere umano si scontra con l’incompiutezza e l’arbitrarietà. I paralitici sognano di poter camminare, le persone sole di incontrare degli amici, gli affamati di mangiare a sazietà, non solo a Lourdes la cattolica ma anche altrove : la sensazione di vivere una vita a metà, così come il desiderio di pienezza, sono universali. « In un certo senso, siamo tutti bloccati su una sedia a rotele » (citazione di padre Nigl).

Felicità, effimero e speranza
Il miracolo che si compie in LOURDES regala un periodo di felicità a Christine, un miglioramento ma, in realtà, non la salvezza. La promessa di salvezza fatta dalla chiesa deve quindi essere rimandata a più tardi. « I più ottengono il perdono solo dopo la morte » (citazione di Cécile). Ecco la consolazione di coloro che tornano senza essere guariti o
che hanno delle ricadute : l’aldilà. Il desiderio di guarigione diventa allora desiderio di raggiungere la felicità e di trattenerla : di vivere una vita piena, intera, felice, e che abbia un senso. Così, quando inizia a ristabilirsi, Christine comincia a sperare di riprendere gli studi, farsi una famiglia e imparare a suonare il piano. Ma la felicità è effimera : viene e va, senza che vi sia alcun significato particolare.
Qualcuno sarà salvato ?
Ma perché lui e non io ?
Una guarigione miracolosa è ingiusta. Perché una persona guarisce e un’altra no ? Cosa si può fare per ottenere la guarigione ? Pregare, come fa la madre della ragazza apatica, scegliere l’umiltà, come fa Cécile oppure, al contrario, non fare niente, come Christine ?
Non c’è risposta a questa domanda, i miracoli sono arbitrari, si compiono senza alcuna logica o ragione apparente. Il miracolo è fondamentalmente ingiusto ma provoca comunque una gioia assoluta in colui che è guarito. Tuttavia, un presunto miracolato non ha alcuna garanzia che la sua guarigione sia definitiva. La guarigione offre una nuova occasione a Christine – che vorrebbe approfittare della vita – ma la ragazza capisce che la ritrovata felicità potrebbe finire in qualsiasi momento. Comincia allora a cercarne il senso, a chiedersi se debba fare qualcosa di particolare per dimostrarsi degna della guarigione.
Cosa fare affinché il miracolo sia duraturo ? Dio ascolta le sue preghiere ? Christine si sente sola.


INTERVISTA A Jessica Hausner
Genesi, luoghi e struttura
Perché la scelta di Lourdes per ambientare il suo film ?
Jessica Hausner : Prima di tutto mi è venuta l’idea di girare un film su un miracolo. Il miracolo rappresenta un paradosso, un’incrinatura nella logica che ci guida verso la morte. L’attesa del miracolo è in un certo senso la speranza che alla fine tutto vada per il meglio e che ci sia qualcuno che veglia su di noi. Durante le mie ricerche sui miracoli mi sono soffermata sul fenomeno particolare di Lourdes, luogo in cui i miracoli avvengono regolarmente. Ho scelto quel luogo per ambientare il mio film perché volevo evidenziare il fatto che i pellegrini ci vanno con la speranza di vivere un miracolo. In fondo, è questa la suspense della storia…

Non sono molti i film di finzione ambientati a Lourdes… È stato difficile ottenere i permessi per le riprese ?
J.H.: Sono andata diverse volte a Lourdes per i sopralluoghi. A poco a poco, durante le mie ricerche molto approfondite, si è stabilita un’intesa reciproca tra me e i responsabili dei santuari e nel giro di un anno abbiamo ottenuto il permesso di effettuare le riprese.

Dopo la cella familiare di « Lovely Rita » e gli interni labirintici di « Hotel », la città di Lourdes è l’unico scenario di questo film. È molto attrattata dalle porte chiuse, dai luoghi chiusi o da situazioni esclusive per raccontare le sue storie ?
J.H.: Sì, molto. Il luogo delle riprese e l’ambientazione sono molto importanti per me. Per ogni film cerco di trovare un luogo unico, chiuso, isolato, perché mi aiuta a sviluppare una narrazione più parabolica… Ho bisogno di una porta chiusa ma anche di un abbigliamento particolare, perché mi aiuta a costruire la storia. In « Hotel » i personaggi indossano divise da albergo, in « Lovely Rita » divise scolastiche e in « Lourdes » divise dell’Ordine di Malta. Mi sforzo di rendere i personaggi meno individuali, voglio che rappresentino piuttosto i prototipi di un sistema, sociale o religioso che sia. Personalmente, sono consapevole di vivere all’interno di un sistema e so che questo influenza in parte il mio carattere. Faccio o non faccio ciò che la gente si aspetta da me e questo mi definisce.
Faccio parte della società e recito il mio ruolo. Nel mio film, cerco di descrivere un sistema di questo tipo, in cui ciascuno ha il proprio ruolo.

Perché la scelta dell’Ordine di Malta ?
J.H.: Anche l’Ordine di Malta è un sistema e solleva gli stessi interrogativi del sistema sociale in generale : Cosa dobbiamo alla società ? Qual’è il nostro posto nella scala gerarchica ? Mi è sembrato interessante osservare tutto questo all’interno di un Ordine in cui le persone si comportano non in base a scelte individuali ma in base alle attese del gruppo. È questo il filo conduttore dei miei film : il rapporto tra il ruolo che svolgiamo nella società e la nostra identità personale. Qual’è il mio potere ? Il mio dovere ? Chi sono e chi dovrei essere ? I miei film esprimono l’idea che non è possibile trovare un’unica soluzione, oppure che se ne trovano diverse…
Ad esempio, adoro gli « haiku » giapponesi, dove ritrovo il paradosso e il mistero. Anche in Austria esistono generi narrativi molto brevi, assurdi e paradossali. Si tratta di una specie di poesia popolare, sempre condita da una certa dose di umorismo nero. Questi piccoli poemi lasciano aperta la porta a chi vuole entrare…

Attori e Personaggi
Qual’è stata la reazione degli attori in questo universo molto cattolico ?
J.H.: Alcune attrici si sono rifiutate di recitare la parte di una donna paralizzata, ritenendo che quel ruolo, non abbastanza « sexy », avrebbe potuto nuocere alla loro carriera. Altre hanno messo in discussione il contenuto cattolico del film… Ho spiegato che, sebbene sia ambientato a Lourdes, il film non vuole essere un film cattolico. Mi servo di Lourdes per raccontare una storia più generale…

Come è stato lavorare con Sylvie Testud per preparare il suo ruolo ?
J.H.: Con Sylvie Testud c’è stata una lunga fase di preparazione. Abbiamo visitato diversi centri ospedalieri per conoscere i malati e ogni visita ci ha aiutate a capire meglio la malattia. Da un lato ci sono le preoccupazioni personali, familiari e sociali e, dall’altro, l’esperienza fisica di vivere inchiodati a una sedia a rotelle. Abbiamo anche lavorato con una fisioterapista per imparare come camminare alla fine del film. Per noi è stato estremamente interessante penetrare emotivamente in una situazione fatale, quella dell’handicap, e scoprirvi una specie di normalità e un benessere inattesi. Giorno dopo giorno la vita continua, così com’è.

La recitazione degli attori risulta precisa, molto controllata. Come ha lavorato con loro ?
J.H.: Prima di tutto faccio una sceneggiatura molto precisa : disegno una story board per fissare i movimenti della cinepresa e definire le inquadrature. Poi mi attengo alla sceneggiatura durante tutta la lavorazione. Per quanto riguarda la recitazione degli attori, il mio scopo è fare in modo che i personaggi siano inseriti in un ritmo, in un sistema, come se gli attori formassero un corpo di ballo, che evolve seguendo le regole di una danza, di una coreografia della società nella quale si trovano. Sul set, compongo l’immagine poi indico agli attori come si devono muovere. Spesso le prime prove sono molto meccaniche, ma non appena gli attori imparano a muoversi all’interno di questo contesto imposto, cominciano a « abitare » la scena e il film prende vita.
Agli attori do’ indicazioni molto precise circa i loro movimenti e i loro gesti e allo stesso tempo mi aspetto che siano molto vivaci all’interno di questo contesto. È questa la difficoltà del mio metodo di lavoro… Léa Seydoux, ad esempio, è un’attrice molto vivace e intuitiva, che ha trasmesso una grande naturalezza al suo ruolo e al film, ma a volte è stato difficile riuscire a farla rimanere all’interno del contesto !

Nei suoi film gli uomini occupano un posto marginale. Incarnano il potere, nei panni di sacerdoti, ufficiali dell’Ordine di Malta, medici o padri. In che modo il potere maschile influenza le sue eroine ?
J.H.: La protagonista è una donna, gli uomini appartengono alle istituzioni, occupano un posto nella loro gerarchia. Trovo che il potere istituzionale e l’autorità siano terribili, in quanto sono soltanto una facciata apparente che cela un nucleo vuoto. Gli uomini di potere disturbano i miei personaggi femminili, che sprofondano in una specie di vuoto quando capiscono che questo sistema di autorità è privo di sostanza. Spesso durante il film i miei personaggi femminili imparano che quell’autorità machile non è in grado di fornire loro una risposta. Questa scoperta li getta nello sconforto.

Credenza – Amore – Speranza
Il suo film va al di là di Lourdes e del cattolicesimo. Quale forma di fede vuole mettere in discussione ?
J.H.: Il film si interroga sul modo in cui possiamo dare un senso alla vita attraverso le nostre azioni. Di fronte a quest’idea c’è la paura che il mondo sia cupo e freddo, privo di un senso profondo, che si nasca per caso, che si muoia allo stesso modo e che nulla di ciò che facciamo durante la vita conti qualcosa. La verità è difficile da trovare, la nostra vita è al tempo stesso meravigliosa e banale.

Il film si pone in una prospettiva più filosofica che religiosa…
J.H.: Sì, solleva un interrogativo generale. Tuttavia, a me interessa l’emozione che accompagna il sentimento religioso. Avere fede significa credere che esista qualcosa che non si può spiegare e che supera i limiti della comprensione. I credenti lo chiamano dio. La fede consente di accettare che i miracoli possano accadere, è questa l’essenza della fede.
Nel mio film il miracolo esiste : accade qualcosa di « miracoloso », che però in seguito diventa abbastanza banale. Allora ci si rende conto che questo « miracolo » non racchiude necessariamente una morale o un senso…che forse è soltanto un caso. È solo una tappa, poiché nulla è scontato. Lourdes non è il racconto di una guarigione, ma piuttosto una scatola cinese, in cui le scatole si aprono una dopo l’altra senza mai arrivare al centro…

Al centro del suo film, per l’appunto, troviamo un terzetto di donne in diverse condizioni di salute e di spirito : l’austera madre superiora (Elena Lowensohn), la sorella apprendista (Léa Seydoux) e la malata inchiodata alla sedia a rotelle (Sylvie Testud). Si è ispirata a qualche modello per questa configurazione triangolare ?
J.H.: Ho pensato a questa configurazione triangolare dopo avere fatto un pellegrinaggio con l’Ordine di Malta. Avevo individuato con chiarezza alcuni gruppi : i cavalieri, le dame, i giovani novizi che fanno il lavoro e i malati. Ho scelto un personaggio per ogni gruppo.
Sicuramente sono stata anche influenzata da « Heidi ». Maria (Léa Seydoux), la giovane ingenua vestita di rosso, somiglia a Heidi e Christine (Sylvie Testud) è Clara, la ragazza vestita di azzurro sulla sedia a rotelle. E poi il personaggio rappresentato da Bruno Tedeschini è come Pierre e Cécile (Elena Lowensohn) somiglia alla governante Rottenmeier.

…e chi recita la parte del nonno affettuoso di Heidi nel suo film ?
J.H.: Probabilmente Dio (risata) .

È stata influenzata da altri film ?
J.H.: Per il mio film precedente, « Hotel », mi sono ispirata molto di più ad altri film, poiché avevo a che fare con il genere horror. Per « Lourdes » sono stata più libera, anche se per il soggetto ho attinto molto dal film « Ordet » di Dreyer. Per l’umorismo, invece, mi sono ispirata ai film di Jacques Tati.

Si può interpretare il suo miracolo – stile Lazzaro « Alzati e cammina » - come un omaggio alla forza della fede ?
J.H.: No, perché la « miracolata » non è particolarmente credente. Nel mio film il miracolo è bello, ma è un po’ come se non fosse motivato da niente o da nessuno.

Estetica
Come mai il suo stile è caratterizzato da lunghe inquadrature, spesso fisse, ad eccezione dei movimenti di folla ?
J.H.: Non ci sono solo inquadrature fisse ma anche movimenti della cinepresa e zoom. La mia sceneggiatura punta a individuare le immagini che possano raccontare come funziona questo gruppo. A un certo punto del film qualcuno scatta una foto di gruppo : gli individui sembrano fondersi nella massa. In una foto di questo tipo, la disposizione delle persone è eloquente : a sinistra le dame (dell’Ordine di Malta) , al centro i malati e a destra i cavalieri.
Dopo la foto, il gruppo si scioglie e ridiventa caos. Questa piccola scena racchiude in sé tutta la storia che volevo raccontare.

Perché fa vedere le preghiere, le visite nella grotta e i bagni nella loro durata e non in modo più ellittico ?
J.H.: Faccio vedere gli elementi del processo di pellegrinaggio : i rituali, i luoghi… La vera ellissi è altrove, poiché il film segue un’economia essenziale : l’incrinatura nella logica, la ragione del miracolo.

Perché le tende bianche hanno un ruolo tanto centrale ?
J.H.: Gioco con l’idea che dietro la tenda si nasconda qualcosa. Cosa esattamente ? È questa la domanda. I miei film raccontano l’incognita di ciò che ci sfugge intellettualmente, che ci è estraneo emotivamente.
Ma poi, quando si dà un’occhiata dietro alla tenda, si scopre qualcosa di terribilmente banale. In « Hotel », il personaggio scopre un parcheggio dietro alla tenda e in « Lourdes » la tenda nasconde un rituale di abluzioni con l’acqua benedetta di Lourdes. Si apre la tenda e non si trovano risposte. Il senso ci sfugge ancora una volta.

Ora vorrei parlare della luce particolare di LOURDES. A volte sembra « illuminare » i suoi personaggi, senza però creare un’atmosfera « sacra »…
J.H.: Ho fatto in modo che la luce non creasse un’atmosfera sacra, che non evocasse la presenza di un essere o di una forza superiori. Ho anche evitato di alludere a una forza superiore attraverso un movimento del carrello, ad esempio. Preferisco una soluzione come quella di « Ordet », di Dreyer : i fari di un’automobile che illuminano momentaneamente un muro, il folle vi scorge l’arrivo della morte e la famiglia vi scorge l’arrivo dell’auto del medico. Il medico arriva e cinque minuti dopo ? Il malato è morto. Avevano ragione tutti quanti : la luce sul muro era sia una premessa di morte sia i fari di una macchina. Trovo favoloso che un regista riesca a trovare un’estetica che riflette questo paradosso e quest’ambiguità…

Umorismo
Il suo scopo non era quello di ridicolizzare la religione, ma di affrontare le questioni esistenziali con leggerezza e ironia…
J.H.: Sì. Nel Vangelo ci sono storie al limite dell’ironia. Ad esempio, la storia del contadino che cerca braccianti per arare il suo campo e promette loro come ricompensa una moneta d’oro alla fine della giornata. Al mattino, alcuni lavoratori cominciano ad arare il campo. A mezzogiorno, arrivano altri braccianti e chiedono se possono lavorare ; il contadino dice di sì. Alla sera, arrivano altri braccianti. Alla fine della giornata, il contadino dà una moneta d’oro a ciascun bracciante. Quelli che hanno lavorato tutto il giorno si lamentano: perché quelli che hanno lavorato soltanto per un’ora dovrebbero ricevere anche loro una moneta d’oro ? Il contadino risponde : « Non si tratta forse del mio campo ? Non posso pagare i braccianti come voglio ? » È una storia impressionante… .

In sintesi, possiamo dire che il suo film ruota intorno a un mistero ?
J.H.: Un miracolo solleva la questione del senso delle cose. Posso influenzare il corso del mio destino attraverso le mie buone azioni o non sono altro che un palloncino in balìa del caso ? È questo contrasto tra il senso e l’arbitrarietà che costituisce il nucleo della storia. Ecco perché, dopo essere stata miracolata, Christine dice : « Spero di essere la persona giusta ».
Intervista realizzata nel mese di aprile 2009


LOURDES E I MIRACOLI : IL PARERE DI UN TEOLOGO
Intervista di Olimpia Pont a Juan José Tamayo
Quale significato ha il miracolo nella teologia cattolica ?
JJT (Juan José Tamayo): Il miracolo ha sempre meno importanza nella teologia odierna, in quanto essa non si chiede più se i miracoli siano veri né se siano possibili. Ciò che conta per la teologia è il loro significato. Il miracolo si colloca nel genere letterario taumaturgico, che consiste nel riconoscere ad alcune persone, soprattutto provenienti dall’ambiente religioso, alcune qualità che consentono loro di cambiare le leggi della natura (fermare una tempesta, sfidare la legge della morte con una resurrezione, etc.). Di tutto questo, ciò che interessa oggi la teologia cattolica non è sapere se Gesù abbia compiuto o meno dei miracoli, o se essi siano la prova del cristianesimo, ciò che interessa la teologia è il significato attribuito a questi miracoli. E il significato profondo è che nel cristianesimo la salvezza è totale, non riguarda solo l’anima e non avviene solo dopo la morte. Lo scopo della salvezza è quello di ottenere il benessere integrale della persona e la guarigione fisica rientra in questo benessere. Il messaggio trasmesso attraverso il miracolo è che l’essere umano è un’unità psicosomatica che ha bisogno di uno stato di benessere e di una piena realizzazione.

Esistono i miracoli?
JJT: Per la teologia apologetica, sì. Questa teologia sostiene che ci sono stati miracoli al tempo di Gesù, che ce ne sono ancora oggi e che i miracoli sono un segno della verità rappresentata dalla religione.

Potrebbe darmi una definizione del termine « miracolo » ?
JJT: È la capacità di cambiare le leggi della natura, le leggi della Storia e le leggi della vita, come ad esempio la resurrezione di un morto, l’interruzione di una tempesta (mi riferisco naturalmente ai miracoli di cui si narra nei Vangeli), la guarigione eccezionale da una malattia incurabile, senza intervento medico o chirurgico, etc. Tutto ciò che trasgredisce o va al di là delle leggi della vita e della Natura è considerato un miracolo. Si tratta sempre di un atto straordinario.

Perché Gesù compie miracoli ?
JJT: Si descrivono i miracoli di Gesù perché egli è presentato come un uomo dotato di una serie di qualità che lo distinguono dai suoi contemporanei. Ciò si spiega grazie al suo speciale rapporto con Dio, poiché egli ha ricevuto da Dio il privilegio, essendo suo figlio, di poter compiere miracoli sulla vita degli altri, sul loro stato fisico e sulle leggi della natura. Questa è la tesi della vecchia apologetica. Oggi la teologia non si chiede se Gesù abbia compiuto miracoli, piuttosto interpreta ciò che appare come miracolo nei Vangeli. In realtà, si tratta di segni che indicano la presenza di Dio, segni del benessere totale della persona e non solo della salvezza dell’anima.

Dio si mostra a noi ? Ci lancia dei segnali ? Si fa vedere ?
JJT: Dio non interviene mai in modo diretto. Nelle religioni monoteiste, l’intervento di Dio avviene attraverso alcuni mediatori. Ad esempio, nell’ebraismo Egli interviene per mezzo di Mosé e dei profeti di Israele, nel cristianesimo attraverso Gesù di Nazareth e poi gli apostoli e nel caso dell’Islam attraverso il Profeta. Dio si manifesta nella Storia attraverso i suoi intermediari. Nelle tre religioni monoteiste, Dio interviene liberamente sui fatti, sebbene il suo intervento non sia diretto. Avviene per mezzo dei suoi rappresentanti o di persone che agiscono da mediatori tra Lui e gli esseri umani. Si dice anche nella Lettera agli Ebrei, un testo del Nuovo Testamento : « Dio, che aveva già parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai padri per mezzo dei profeti, ultimamente in questi giorni ha parlato a noi per mezzo del figlio ». In seguito, dopo Gesù, Egli si è rivelato attraverso altri profeti.

È possibile per noi capire il piano di Dio ? Dio ha un progetto ?
JJT: Credo che questa sia un’idea mitica, che non rispetta la libertà umana. Penso che il progetto di Dio nella Storia si traduca nei progetti umani e i progetti umani sono opera di esseri umani e sono elaborati conformemente alla loro libertà. Qualsiasi progetto di Dio nella Storia passa attraverso le realizzazioni degli esseri umani, attraverso le loro iniziative, le loro libertà. Pensare che Dio abbia un progetto, che questo progetto sia immutabile, per tutta l’umanità, e che debba necessariamente compiersi equivarrebbe a negare la libertà dell’essere umano. Ecco perché i progetti di Dio devono essere realizzati tenendo conto della libertà dell’essere umano. Altrimenti, l’uomo sarebbe un burattino, un semplice oggetto nelle mani di Dio. Credere che solo Dio abbia progetti per il mondo, la Storia, l’Umanità o la Natura significherebbe avere di Lui un’immagine molto capricciosa e arbitraria.

Ci si può avvicinare a Dio ?
JJT: Questo è il senso delle religioni… Le religioni agiscono da mediatori tra gli esseri umani e Dio, per comunicare con Lui. La comunicazione è diretta e personale ma anche comunitaria, attraverso l’assemblea, il rito, la festa o la celebrazione. Ma, sarebbe auspicabile che la comunicazione del credente con Dio fosse personale, diretta, fiduciosa e responsabile. Inoltre, oggi si tende a evidenziare il carattere soggettivo della fede. Ciò significa che in molti casi l’essere umano comunica con Dio senza dovere ricorrere a istituzioni o intermediari, come ad esempio i santi o le persone sacre.

Cosa si può imparare da Dio ?
JJT: Potrà sembrare strano, e forse anche un po’ contraddittorio, ma penso che ciò che possiamo imparare da Lui è la Sua misericordia, la Sua umanità. Leonardo Boff, un teologo della liberazione brasiliano, ha scritto : « Solo Dio è umano come Gesù ». Ed è vero, perché il dio del cristianesimo, il dio dell’islam, il dio dell’ebraismo si caratterizza per la compassione, la misericordia, il perdono, la solidarietà, la vicinanza, la comunicazione diretta con gli esseri umani, la sensibilità. Ciò che possiamo imparare da Dio è la sensibilità di fronte alla sofferenza e la solidarietà nei confronti di coloro che soffrono nella Storia.

Un personaggio del film chiede : « Dio è buono e/o onnipotente ? »
JTT: Ecco il grande dilemma che da lungo tempo attanaglia la storia del pensiero occidentale, da Epicuro ai giorni nostri ; l’apparente contraddizione tra la bontà di Dio e l’onnipotenza. Se Dio è onnipotente, perché non impedisce la sofferenza degli innocenti ? Se Dio è buono, perché lascia che la gente soffra ingiustamente ? È un dilemma difficile da risolvere. È una delle principali critiche, alla quale è molto difficle rispondere : l’ateismo morale. Perché Dio consente la sofferenza degli innocenti se è buono e se può evitarlo ?
Se non può evitarlo, dice Epicuro, allora non è onnipotente. Se può farlo ma non lo fa, allora non è buono. Ecco il grande dilemma della filosofia, della teodicea, ed è una situazioone complessa. Io penso che l’esperienza di Dio debba essere vissuta in entrambi gli aspetti, tanto quello della sofferenza quanto quello della gioia, tanto nella tristezza quanto nella felicità.

Come si fa a ricevere la grazia ? Attraverso l’impegno ?
JJT: Penso che la grazia sia un mistero e che, in realtà, la grazia di Dio sia su tutti gli esseri umani. Il fatto è che ciascun essere umano la prende, la riceve o la rifiuta in base alla propria scelta personale e alla propria libertà. La grazia è una delle caratteristiche fondamentali di tutte le religioni : la grazia, la capacità di Dio di darsi agli altri. Se c’è una cosa che caratterizza l’azione di Dio verso gli esseri umani è appunto la sua gratitudine.
Ma la domanda anche in questo caso è : « Va bene, dai un dono, una grazia, ma… perché ad alcuni sì e ad altri no ? » Questo è uno dei grandi misteri della divinità…
In ogni caso, la grazia deve essere associata al lavoro umano. È quanto diceva Jorge Luis Borges : « l’ispirazione ti viene incontro mentre lavori ». Quando la grazia ti viene incontro devi essere solidale e pronto a rispondere.
Noi siamo gli artefici della nostra grazia, perché se la grazia fosse qualcosa che dipende da Dio e non richiede alcuno sforzo umano, allora entreremmo piuttosto nel campo della superstizione.

Se lei soffrisse di una malattia incurabile, andrebbe a Lourdes?
JJT: No, no… Non mi servirei mai di mezzi straordinari, non coinvolgerei mai Dio nella soluzione dei miei problemi. Avrei l’impressione di manipolare il mistero e abusare di qualcosa che non può essere né venduto né comprato. Andare a Lourdes per guarire da una malattia incurabile sarebbe come convertire Dio in una merce, un affare, un commercio. Sono profondamente convinto che il sacro meriti molto più rispetto. Se una malattia non si può curare con i normali strumenti della medicina (qualunque tipo di medicina) non bisogna cercare un’altra soluzione ricorrendo a mezzi straordinari o soprannaturali. Io accetterei l’irreversibilità della malattia e lo farei con rispetto, dignità e gratitudine.
[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Lourdes oppure [+] scrivi recensione e vota Lourdes

Vota, leggi trama e opinioni su Lourdes di Jessica Hausner - Torrent, scaricare Lourdes di Jessica Hausner, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio, ma non posso garantire la validità delle informazioni. Posso solo garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Il laureato, The league of extraordinary gentlemen, Lucifer, Lost in translation - L'amore tradotto, Leoni al sole, Lei e' troppo per me, Latta e cafe', Il loro Natale, Il libro della giungla

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 S 200 …6 SU 7.19…UNA - ...A…A QU A R …ACRO ACRO…AIDA AIDA…ALL ALL …AMEL AMEL…AMOR AMOR…ANIM ANIM…AQUA AQUA…ASSO ASSO…GLI GLI …L'AM L'AM…THE THE …UN'A - AT B…BAMB BAMB…BEAT BEAT…BENV BENZ…BITT BIUT…BLUE BLUE…BOZZ BRAC…BUON BURI…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CIDA CIEL…COFF COGA…COMU CON …COSE COSI…CURU CUST…IL C IL C…LA C LA C…THE THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DETE DETR…DISO DIST…DOUB DOUB…DUMM DUNE…LA D LA D…UNA - ...E…EIN EISE…ENCA ENCL…EVER EVER…L'ES L'ES…UN'E - FA' …FEAR FEAR…FIOR FIOR…FRAN FRAN…FUGA FUGA…IL F IL F…LA F LA F…UNA - G.I.…GHOS GHOS…GIUL GIUN…GRAC GRAN…IL G IL G…LA G LA G…UNA - H. (…HARR HARR…HEYA HIDE…HONE HONE…HURE HURR…UN H - GLI …IMMO IMMO…INDE INDE…INTE INTE…IRIS IRON…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JUDA JUDG…THE - K.36…KINA KINE…THE - EL L…LAMB LAMP…LEGI LEGO…LIE LIE …LOOK LOON…LUNC LUNC…UNA - I MA…IL M IL M…LA M LA M…MAGI MAGI…MAPP MAPS…MATR MATR…METT MEU …MIRA MIRA…MONS MONS…MR C MRS.…THE THE …UNA - I NO…NAPO NAPO…NEL NELL…NIGH NIGH…NON NON …NOTT NOTT…UNA - GLI …OCTO OCUL…ONE ONE …OSSI OSTE…UN'O - I PA…IL P IL P…LA P LA P…PAPA PAPA…PATH PATI…PER PERC…PIET PIET…POLL POLL…PRIG PRIG…PUSS PUTI…UNE - I QU…QUEI QUEI…THE - I RA…LA R LA R…RALP RAMB…REND RENO…RINO RIO …ROGE ROGU…RUNN RUSH…UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALO SALS…SCAR SCAR…SECR SECR…SEVE SEX,…SHRE SHRE…SLAP SLEE…SOME SOMM…SPEC SPEC…STAR STAR…STRY STUA…SVAL SVEG…UNA UNA …UNO - I TE…TADP TAFA…TEAT TEAT…THE THE …TI A TI A…TOP TOP …TRAN TRAN…TRUT TSIL…TUTT TUTT…UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VALE VALE…VERU VERY…VITA VITA…VUOT - I WA…WARC WARD…WILL WILL…WWW - X - Y - Z 007 …1960 1981…4 AM 4 AM…9X10 - 11 M…A QU A R …ACCO ACE …AGE AGE …ALEG ALEX…ALMA ALME…AMER AMER…AMOR AMOR…ANCH ANCH…ANNI ANNI…APRI AQUA…ASCE ASCO…AUST AUST…UN'A - AT B…BALL BALL…BARB BARB…BEAU BEAU…BENV BENV…BIG BIG …BLEE BLEE…BOMB BON …BREA BREA…BUON BUON…O BA - C.R.…CANI CANI…CARO CARO…CAVA CAVA…CHAO CHAP…CHIL CHIL…CITT CITT…COGA COGN…COME COME…CONS CONS…COSE COSE…CROS CROW…PORC - D.A.…DAVA DAVI…DELL DELL…DIAR DIAR…DIVE DIVE…DON' DON'…DRIF DRIL…LOS - E.T.…EDUK EDUT…EMBE EMER…ERED ERED…EVER EVER…UN'E - FA' …FANT FANT…FERM FERM…FINE FINE…FOLL FOLL…FRAN FRAN…FUGA FUGA…O FA - G.I.…GENI GENI…GIOC GIOC…GIUL GIUL…GOOD GOOD…GREM GREM…GYUM - H. (…HARR HARR…HERI HERM…HOLL HOLL…HOTE HOTE…THEY - ALSO…IMPE IMPI…INCO INCO…INSE INSE…INVI INVI…ISOL ISOL…WISH - IN J…JESU JESU…JOY JOYE…JX.T - K.36…KILL KILL…KYAS - AND …LAST LAST…LEGG LEGG…LIAM LIBE…LOCK LOCK…LOVE LOVE…VIE - M.D.…MAGI MAGI…MA'N MANG…MART MART…ME A ME A…METR METR…MILL MILL…MISS MISS…MOND MOND…MOST MOST…MUSC MUSE…PRES - IP M…NATU NATU…NESS NESS…NN ( NO.2…NON NON …NOTT NOTT…POLT - O (O…OLE' OLIG…ONES ONE-…ORPH ORSO…UN'O - MARE…PAPE PAPE…PASS PASS…PECK PECO…PERI PERM…PICC PICC…PLAN PLAN…PORT PORT…PRIM PRIM…PROG PROG…UNE - QIN'…QUEL QUEL…QUOR - 3 RO…RAGN RAIL…REDE REEF…RESP RESP…RING RINO…ROBI ROBI…ROYA ROYA…RUTH - O - …SANT SANT…SCHE SCHE…SEA SEAB…SENS SENS…SEXO SEXU…SHRO SHUT…SIRE SIST…SOGN SOGN…SORE SORE…SPIA SPIA…STAL STAL…STON STOP…SUCC SUCK…SWEE SWEE…UNO - 11TH…TAXI TAXI…TEOR TERA…THIS THIS…TMNT TO K…TOUT TOWE…TRE TRE …TSUN TU, …TUTT TUTT…TYLE - BARR…ULTI ULTI…UOMI UOMI…UZAK - A VE…VEND VEND…VI P VI P…VINO VINY…VIVA VIVA…VUOT - W. (…WEEK WEEK…WISH WISH…WWW - X - Y - Z 007 …1960 1981…4 AM 4 AM…9X10 - 11 M…A QU A R …ACCO ACE …AGE AGE …ALEG ALEX…ALMA ALME…AMER AMER…AMOR AMOR…ANCH ANCH…ANNI ANNI…APRI AQUA…ASCE ASCO…AUST AUST…UN'A - AT B…BALL BALL…BARB BARB…BEAU BEAU…BENV BENV…BIG BIG …BLEE BLEE…BOMB BON …BREA BREA…BUON BUON…O BA - C.R.…CANI CANI…CARO CARO…CAVA CAVA…CHAO CHAP…CHIL CHIL…CITT CITT…COGA COGN…COME COME…CONS CONS…COSE COSE…CROS CROW…PORC - D.A.…DAVA DAVI…DELL DELL…DIAR DIAR…DIVE DIVE…DON' DON'…DRIF DRIL…LOS - E.T.…EDUK EDUT…EMBE EMER…ERED ERED…EVER EVER…UN'E - FA' …FANT FANT…FERM FERM…FINE FINE…FOLL FOLL…FRAN FRAN…FUGA FUGA…O FA - G.I.…GENI GENI…GIOC GIOC…GIUL GIUL…GOOD GOOD…GREM GREM…GYUM - H. (…HARR HARR…HERI HERM…HOLL HOLL…HOTE HOTE…THEY - ALSO…IMPE IMPI…INCO INCO…INSE INSE…INVI INVI…ISOL ISOL…WISH - IN J…JESU JESU…JOY JOYE…JX.T - K.36…KILL KILL…KYAS - AND …LAST LAST…LEGG LEGG…LIAM LIBE…LOCK LOCK…LOVE LOVE…VIE - M.D.…MAGI MAGI…MA'N MANG…MART MART…ME A ME A…METR METR…MILL MILL…MISS MISS…MOND MOND…MOST MOST…MUSC MUSE…PRES - IP M…NATU NATU…NESS NESS…NN ( NO.2…NON NON …NOTT NOTT…POLT - O (O…OLE' OLIG…ONES ONE-…ORPH ORSO…UN'O - MARE…PAPE PAPE…PASS PASS…PECK PECO…PERI PERM…PICC PICC…PLAN PLAN…PORT PORT…PRIM PRIM…PROG PROG…UNE - QIN'…QUEL QUEL…QUOR - 3 RO…RAGN RAIL…REDE REEF…RESP RESP…RING RINO…ROBI ROBI…ROYA ROYA…RUTH - O - …SANT SANT…SCHE SCHE…SEA SEAB…SENS SENS…SEXO SEXU…SHRO SHUT…SIRE SIST…SOGN SOGN…SORE SORE…SPIA SPIA…STAL STAL…STON STOP…SUCC SUCK…SWEE SWEE…UNO - 11TH…TAXI TAXI…TEOR TERA…THIS THIS…TMNT TO K…TOUT TOWE…TRE TRE …TSUN TU, …TUTT TUTT…TYLE - BARR…ULTI ULTI…UOMI UOMI…UZAK - A VE…VEND VEND…VI P VI P…VINO VINY…VIVA VIVA…VUOT - W. (…WEEK WEEK…WISH WISH…WWW - X - Y 007 …1960 1981…4 AM 4 AM…9X10 - 11 M…A QU A R …ACCO ACE …AGE AGE …ALEG ALEX…ALMA ALME…AMER AMER…AMOR AMOR…ANCH ANCH…ANNI ANNI…APRI AQUA…ASCE ASCO…AUST AUST…UN'A - AT B…BALL BALL…BARB BARB…BEAU BEAU…BENV BENV…BIG BIG …BLEE BLEE…BOMB BON …BREA BREA…BUON BUON…O BA - C.R.…CANI CANI…CARO CARO…CAVA CAVA…CHAO CHAP…CHIL CHIL…CITT CITT…COGA COGN…COME COME…CONS CONS…COSE COSE…CROS CROW…PORC - D.A.…DAVA DAVI…DELL DELL…DIAR DIAR…DIVE DIVE…DON' DON'…DRIF DRIL…LOS - E.T.…EDUK EDUT…EMBE EMER…ERED ERED…EVER EVER…UN'E - FA' …FANT FANT…FERM FERM…FINE FINE…FOLL FOLL…FRAN FRAN…FUGA FUGA…O FA - G.I.…GENI GENI…GIOC GIOC…GIUL GIUL…GOOD GOOD…GREM GREM…GYUM - H. (…HARR HARR…HERI HERM…HOLL HOLL…HOTE HOTE…THEY - ALSO…IMPE IMPI…INCO INCO…INSE INSE…INVI INVI…ISOL ISOL…WISH - IN J…JESU JESU…JOY JOYE…JX.T - K.36…KILL KILL…KYAS - AND …LAST LAST…LEGG LEGG…LIAM LIBE…LOCK LOCK…LOVE LOVE…VIE - M.D.…MAGI MAGI…MA'N MANG…MART MART…ME A ME A…METR METR…MILL MILL…MISS MISS…MOND MOND…MOST MOST…MUSC MUSE…PRES - IP M…NATU NATU…NESS NESS…NN ( NO.2…NON NON …NOTT NOTT…POLT - O (O…OLE' OLIG…ONES ONE-…ORPH ORSO…UN'O - MARE…PAPE PAPE…PASS PASS…PECK PECO…PERI PERM…PICC PICC…PLAN PLAN…PORT PORT…PRIM PRIM…PROG PROG…UNE - QIN'…QUEL QUEL…QUOR - 3 RO…RAGN RAIL…REDE REEF…RESP RESP…RING RINO…ROBI ROBI…ROYA ROYA…RUTH - O - …SANT SANT…SCHE SCHE…SEA SEAB…SENS SENS…SEXO SEXU…SHRO SHUT…SIRE SIST…SOGN SOGN…SORE SORE…SPIA SPIA…STAL STAL…STON STOP…SUCC SUCK…SWEE SWEE…UNO - 11TH…TAXI TAXI…TEOR TERA…THIS THIS…TMNT TO K…TOUT TOWE…TRE TRE …TSUN TU, …TUTT TUTT…TYLE - BARR…ULTI ULTI…UOMI UOMI…UZAK - A VE…VEND VEND…VI P VI P…VINO VINY…VIVA VIVA…VUOT - W. (…WEEK WEEK…WISH WISH…WWW - X - Y 007…2 Gi -2 L…45 Y 47 R…Una - ...a…A St A Su…Adis Admi…Al p Al p…Alle Alle…Amer Amer…Anam Anar…Anot Anot…Arms Arri…Atte Atte…L'al L'al…L'ar L'ar…Un a Un A…Un'a - A Be…Balz Bamb…Beas Beas…Benv Benv…Birt Bitc…Blow Blu…Boys Boys…Buon Buon…La b La b…The The…Una - Chi…Capt Capt…Cava Cava…Che Che…Cida Cida…Codi Coff…Comp Comu…Cose Cose…Curs Curu…Il c Il c…La C La C…The The…Una - Des…Dead Dead…Dete Dete…Disc Diso…Doub Doub…Dumb Dumm…La d La d…Una - ...e…Egye Ehre…En t Enca…Ever Ever…L'es L'es…Un'e - A Fe…FBI FBI…Fino Fior…Fran Fran…Fuga Fuga…Il f Il f…La f La f…Una - G.I.…GENI GENI…GIOC GIOC…GIUL GIUL…GOOD GOOD…GREM GREM…GYUM - A Ha…Harr Harr…Hesh Hey…Hone Hone…Hung Hure…Un h - Gli…Immo Immo…Inde Inde…Inte Inte…Iris Iron…L'in L'In…Un'i - I Jo…Jesu Jet…Juda Judg…The - Heli…Kimb Kina…The - A Le…Lagu Lais…Lege Lege…Lice Lie…Look Loon…Lunc Lunc…Una - A Ma…Il m Il m…La m La m…Magh Magi…Manu Manu…Matr Matr…Mete Metr…Mira Mira…Monk Monk…Mr. Mr.…The The…Una - I no…Napo Napo…Nel Nell…Nigh Nigh…Non Non…Nott Nott…Una - Gli…Octo Ocul…One One…Ossi Oste…Un'o - o…Il p Il p…La p La p…Pani Panj…Patc Pate…Per Per…Picc Picc…Poli Poli…Prid Prid…Purp Purs…Une - I qu…Quei Quei…The - A Ro…La r La r…Rais Raja…Remo Rena…Ring Rino…Roge Roge…Runn Rush…Una - 9.9…Il s Il s…La s La s…Sain Saku…Scar Scar…Seco Seco…Sett Seve…Shor Show…Skyl Skyl…Solv Some…Spar Spar…Star Star…Stre Stri…Susp Susp…Un s Un s…Uno - A Ta…Tach Tad,…Teat Teat…The The…Thy Thys…Top Top…Tran Tran…Trum Trut…Tutt Tutt…Una - Gli…L'uo L'uo…Unde Unde…Uzak - A Ve…La v La V…Vale Vale…Veru Very…Vita Vita…Vuot - A Wa…War War,…Wild Wild…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming