Qualunquemente di Giulio Manfredonia

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Qualunquemente - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Giulio Manfredonia - Correzioni/Aggiunte - Sito ufficiale di Qualunquemente / Qualunquemente - Video YouTube di Giulio Manfredonia Qualunquemente - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi CD cataloghi prodotti con CDFrontEnd, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina Qualunquemente
 
Regista: Giulio Manfredonia
Titolo originale: Qualunquemente
Durata: 96'
Genere: Commedia
Nazione: Italia
Rapporto: 2.35:1

Anno: 2011
Uscita prevista: 21 Gennaio 2011 (cinema)

Attori: Antonio Albanese, Sergio Rubini, Lorenza Indovina, Salvatore Cantalupo, Luigi Maria Burruano, Antonio Gerardi, Gianluca Cammisa
Soggetto: Antonio Albanese,Piero Guerrera,Giulio Manfredonia

Trama, Giudizi ed Opinioni per Qualunquemente (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Roberto Forza
Montaggio: Cecilia Zanuso
Musiche: Banda Osiris
Costumi: Roberto Chiocchi

Produttore: Domenico Procacci
Produzione: Fandango
Distribuzione: 01 Distribution

La recensione di Dr. Film. di Qualunquemente
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Qualunquemente
Opinioni e recensioni su Qualunquemente, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Qualunquemente
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Informazioni e curiosità su Qualunquemente

Note dalla produzione:
Il personaggio:
Cetto La Qualunque è un imprenditore calabrese corrotto, depravato e ignorante che disprezza la natura, la democrazia e ama le donne, di cui promette ai suoi sostenitori grande abbondanza. Il suo motto è “più pilu e cemento armato”.
Il personaggio è nato in Rai nel 2003 all’interno del programma Non c’è problema, ha raggiunto il grande consenso del pubblico con la Gialappa’s band nel programma Mai dire domenica e nelle ultime stagioni è ospite del programma di Fabio Fazio Che tempo che fa.


Dichiarazione del regista Giulio Manfredonia:
Lavorare con Antonio è sempre un'avventura magnifica. Lo facciamo da più di dieci anni con varie formule: lui regista io aiuto regista nei suoi primi due film, lui attore ed io regista e sceneggiatore nel mio secondo film, ora lui attore e autore ed io regista. Nei fatti poco cambia: ogni volta ci si ritrova a confrontarsi sul set, e comunque sia è sempre bello e ci sembra funzioni. E soprattutto ci divertiamo molto.
Il film è stato per me anche una meravigliosa sfida. Usare il linguaggio dei fumetti per raccontare un aspetto della cronaca italiana di oggi, reinventandola e astraendola, per ri-raccontarla, speriamo, ancor meglio. Credo che l'astrazione, specie quando filtrata attraverso il linguaggio della comicità, sia un modo efficace come nessun altro per raccontare la realtà, anche e soprattutto quando si tratta di situazioni dure, drammatiche.

La chiave comica elimina ogni retorica, ci allontana dal moralismo e questo rende la narrazione ancor più efficace. Cetto è al contempo un "eroe" dell'Italia di oggi e un personaggio assolutamente astratto e surreale. Genialmente universale e al contempo attualissimo.
Si partiva dunque da una certezza consolidata: un personaggio nato per il teatro e il piccolo schermo e divenuto in pochi anni una Grande Maschera Italiana, degna delle migliore tradizione del nostro paese, e penso non solo alla commedia dell'arte e alla tradizione lontana, ma anche a personaggi più recenti, su tutti a Fantozzi. Anche lui è nato in tv ed è felicemente traslocato poco dopo al cinema. Anche noi, come si fece con lui allora, avevamo l'arduo compito di dar vita al "mondo di Cetto", costruire cioè attorno a lui quell'acquario fantastico nel quale potesse nuotare a suo agio, in armonia.
Per far questo abbiamo tentato di usare le armi proprie del cinema.

Marco Belluzzi, scenografo, ha immaginato gli spazi in cui si muove Cetto attingendo ai tratti propri del personaggio: un paese calabrese totalmente privato di ogni carattere e tradizione, soppiantato da un'unica colata di cemento, per esempio. Lo ha realizzato in un piccolo quartiere di edilizia popolare, costruito a Tivoli negli anni settanta e da lui rimodellato alla bisogna. Poi la Casa, che doveva riflettere la caotica "bulimia dell'avere" di Cetto, un trionfo di cafoneria e opulenza che unisce vasche idromassaggio e busti di imperatori romani, piscine coperte e false statue egizie, enormi ritratti di Cetto in stile neoclassico e capitelli dorici. Marco ha scovato una villa bunker in un'estrema periferia di Roma, così pazzesca che sembra (e non e'!!) interamente ricostruita. Poi un litorale bellissimo ma devastato dall'abusivismo di costruzioni improbabili, scovato tra le costruzioni di Passo Scuro. Insomma un mondo trovato dal vero ma incredibilmente non reale, nel quale Cetto si muove in assoluta coerenza.

Roberto Chiocchi, costumista, ha vestito i personaggi trasformandoli in veri e propri fumetti, usando colori estremi e assoluti, rosso-rosso, verde-verde, fino al viola, il colore del partito di Cetto, che piano piano pervade tutto il paese. Li ha caratterizzati spingendoli all'estremo, penso alle madonne stampate sui giubbotti di Pino o alla bigiotteria e alle acconciature della moglie Carmen, riuscendo a farne esplodere la volgarità ma al contempo ad armonizzare il tutto e a dare ad ogni immagine uno stile, un'eleganza, insperata.
Roberto Forza, direttore della fotografia, ha scelto inquadrature di respiro, usando spesso lenti grandangolari, e ha dato al film un sapore garbatamente aberrato e al contempo astratto, non reale. Con lui abbiamo cercato di costruire delle immagini che alludono sì a vari generi, dal Western al Gangster movie, dal Cartoon alla Commedia Italiana, senza però mai sottolinearlo, senza intaccare la centralità e la leggerezza del racconto.

Cecilia Zanuso, montatrice, ha assemblato il tutto, dando al film un ritmo incalzante ma senza perdere nessun particolare, e anche giocando sapientemente coi generi che le immagini suggerivano, riscrivendo il film con il suo consueto unico talento.
Credo ne sia uscito un film che si butta senza timidezze nel mondo libero e allegramente folle dei fumetti: un genere di cinema abbastanza raro nel panorama nazionale (e al contrario molto frequentato da altre cinematografie) e che, essendo alleggerito dal vincolo del realismo, a mio avviso consente di dispiegare al massimo tutte le potenzialità creative del cinema: mai come questa volta tutti i responsabili dei vari reparti (scenografia, fotografia, costumi, montaggio, ecc), hanno colto l'anima del film dando il meglio di sé e contribuendo in maniera determinante alla sua riuscita.

Naturalmente è anche grazie ad un cast d'eccellenza che è stato possibile creare questo mondo: a tutti i miei magnifici interpreti, da Sergio Rubini a Lorenza Indovina, da Gigi Burruano a Nicola Rignanese, fino all'ultima comparsa va il mio grazie più sincero. Solo attraverso le loro interpretazioni calibrate, sempre capaci di coniugare l'estremizzazione del carattere con la sottigliezza del personaggio, è stato possibile creare compiutamente il "mondo di Cetto".
Da ultimo voglio ringraziare, più di tutti Antonio. Non solo perché è solo grazie a lui se ho avuto l'opportunità di essere in questo film, ma anche perché ho riscoperto per l'ennesima volta, ancora con sorpresa, quale immenso attore e autore sia. Voglio ringraziarlo per la sua generosità: credo sia molto raro trovare qualcuno che ha immaginato e scritto un film su un suo personaggio, che ha il coraggio di affidare ad un altro. Realizzare questo film con lui è stato semplice e bellissimo, mai mi sono sentito condizionato nelle mie scelte, e questo mi sembra ancora oggi incredibile.
L'unica cosa che voglio aggiungere è che non l'ho mai visto così in forma.


Dichiarazione di Antonio Albanese:
Portare Cetto La Qualunque al cinema è stata un'idea eccitante e vagamente incosciente.
Proprio per questo abbiamo deciso di realizzarla. In questi anni Cetto La Qualunque è stato per me, e per lo sceneggiatore Piero Guerrera, una straordinaria lente di ingrandimento che ci ha permesso di mettere a fuoco quello che succedeva nel nostro sud e nel resto del paese. Un modo per raccontare tutto quello che non ci piace e per mettere in guardia su cosa potrebbe accadere.
Cetto ci ha dato il grande privilegio di ridicolizzare comportamenti e modelli, che per molti saranno furbeschi e vincenti, ma per noi sono solo ignoranti e patetici. Il desiderio è dunque quello di raccontare con questo film un pezzo ingombrante della nostra realtà con la comicità. Uno dei linguaggi più complessi e misteriosi che abbiamo a disposizione. Il film è per noi un omaggio ad una terra che amiamo e vorremmo proteggere e difendere. Ridere dunque, per esorcizzare e per recuperare voglia di andare avanti. Nella speranza che Cetto La Qualunque diventi col tempo solo una macchietta e non uno specchio fedele dei nostri tempi.


Dichiarazione di Cetto La Qualunque:
Caro pubblico femminile e, superfluamente, molto meno caro pubblico maschile, tra le mille domande inutili che si fanno oggigiornamente ad un politico moderno come me mi è stato anchemente chiesto qual'è la mia opinione sul film Qualunquemente. Dopo aver rotto il ghiaccio con un simpatico: “fatti i cazzi toi!”, sommessamente, mi sono permesso di aggiungere che un film sulla mia vita lo considero un atto dovuto, un dovere istituzionale, una responsabilità alla quale il paese e tutti i cittadini di buona volontà non possono sottrarsi. Quello che stupisce è perchémente abbiano aspettato tanto a farlo. Mi è stato anchemente chiesto cosa penso della collaborazione con Albanese e Manfredonia? La mia fama mi precede: non amo offendere, lo sapete.
Cosa mi aspetto da questo film? Quello che mi aspetto tutti i giorni quando mi sveglio: pilu. Io avevo proposto di intitolarlo col mio numero di cellulare, per risparmiare tempo, ma in Italia la creatività non paga. Io sì. Io pago, e in contanti.
Qualunquemente vostro,
Cetto La Qualunque
[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Qualunquemente oppure [+] scrivi recensione e vota Qualunquemente

Vota, leggi trama e opinioni su Qualunquemente di Giulio Manfredonia - Torrent, scaricare Qualunquemente di Giulio Manfredonia, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Queste Mie Figlie, Quo vado , Quore, Qui non e' il paradiso, Queen Of Montreull, Queens of Langkasuka, Quell'idiota di nostro fratello, Il quinto impero

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming