Il sesso aggiunto di Francesco Antonio Castaldo

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Il sesso aggiunto - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Francesco Antonio Castaldo - Correzioni/Aggiunte - Sito ufficiale di Il sesso aggiunto / Il sesso aggiunto - Video YouTube di Francesco Antonio Castaldo Il sesso aggiunto - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea i tuoi CD DVD e presentazione azienda con CDFrontEnd, il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina Il sesso aggiunto
 
Regista: Francesco Antonio Castaldo
Titolo originale: Il sesso aggiunto
Durata:
Genere: Drammatico
Nazione: Italia
Rapporto:

Anno: 2011
Uscita prevista: 29 Aprile 2011 (cinema)

Attori: Giuseppe Zeno, Myriam Catania, Valentina DAgotino, Lino Guanciale, Gigi Savoia, Cloris Brosca, Gioia Spaziani, Paco Reconti
Soggetto: Francesco Antonio Castaldo
Sceneggiatura: Francesco Antonio Castaldo

Trama, Giudizi ed Opinioni per Il sesso aggiunto (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia:
Montaggio: Giovanni Madonna
Musiche: Nicola Piovani
Scenografia: Walter Caprara, Alessandra Martelli
Costumi: Rosalia Guzzo

Produttore: Giovanni Madonna, Francesco Antonio Castaldo
Produzione: Madcast
Distribuzione: Iris Film

La recensione di Dr. Film. di Il sesso aggiunto
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Il sesso aggiunto
Opinioni e recensioni su Il sesso aggiunto, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Il sesso aggiunto
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Informazioni e curiosità su Il sesso aggiunto

Note dalla produzione:
NOTE DI PRODUZIONE
Quando Castaldo mi diede la sceneggiatura de “Il sesso aggiunto”, sapevo solo che si trattava di una storia in cui c’entrava la tossicodipendenza, mi aveva accennato qualcosa mentre la stava scrivendo. Me la lanciò sulla scrivania senza aggiungere nulla, nemmeno una parola su ciò che gli sarebbe piaciuto farne.
Io e Francesco lavoriamo insieme ormai da più di sedici anni, ma soprattutto ci conosciamo molto bene. Sapevo che mi stava mettendo una pulce nell’orecchio; e lui sapeva perfettamente che quella “pulce” lì, io non avrei fatto nulla per scacciarla. Dopo qualche giorno mi misi a leggere quel copione, e ad ogni pagina mi convincevo sempre di più che era qualcosa di bello, di importante. Mi accorsi di averlo letto tutto d’un fiato, e che avrei voluto… anzi, che avremmo voluto, farne un film.
Era già da un po’ che ci balenava l’idea di voler rivolgere la nostra attenzione anche alla produzione di lungometraggi, e decidemmo insieme di partire con “Il sesso aggiunto”.

Ci mettemmo subito a lavoro. Come prima cosa “buttammo giù” una bozza di Piano di Lavorazione su sei settimane di riprese e un preventivo delle spese. Certo, si trattava di un film “difficile”, lo sapevamo bene, uno di quei film con cui se recuperi i soldi spesi puoi già considerarti un miracolato. Ma avremmo potuto chiedere dei finanziamenti, trovare degli sponsor, coinvolgere la Regione… come fanno quasi tutti, d’altronde.
Il nostro itinerario alla ricerca dei soldi, però, diventava man mano più demoralizzante, ci faceva prendere atto che non era solo il film, difficile, ma anche che potessero aprirsi le porte a cui avevamo bussato: rimasero tutte chiuse, infatti.
Intanto erano trascorsi alcuni mesi. Avevamo già deciso la data dell’inizio delle riprese, e Francesco era già andato molto avanti con i provini per la scelta degli attori, aveva già deciso alcuni ambienti, erano già stati presi accordi verbali con alcuni fornitori…
Avevamo, quindi, già messo in piedi l’intero meccanismo che precede le riprese di un film.

Siamo andati avanti, devo dire, con una certa incoscienza. Ma lo sapevamo, lo abbiamo sempre saputo che siamo due incoscienti. Forse perché ci lasciamo sopraffare dall’entusiasmo; o perché abbiamo un profondo rispetto per il nostro lavoro, perché pensiamo che il nostro lavoro può anche essere utile a qualcuno. A volte nascondiamo le cose a noi stessi pur di portare avanti un discorso che ci piace, che riteniamo giusto; e quando poi scopriamo le carte è sempre troppo tardi per tornare indietro: E andiamo avanti. E’ accaduto proprio così, per questo film. Noi, per esempio, sapevamo perfettamente che sei settimane di riprese non sarebbero state sufficienti. Ne sarebbero servite otto, o anche nove. Ma se ce lo fossimo detti prima non avremmo avuto il coraggio di avventurarci in un’impresa simile. E ugualmente sarebbe stato se non ci fossimo illusi che qualche finanziamento prima o poi ci sarebbe arrivato. Ci siamo tenute nascoste delle verità, perché quello che volevamo veramente era di realizzare questo film. Io penso che sia un indice di onestà portare avanti un progetto solo perché pensi che sia giusto, pur sapendo che probabilmente ci rimetterai dei soldi. Penso che onestà significhi anche credere in qualcosa.

E così, ci siamo ritrovati ad affrontare l’intera produzione del film con il solo utilizzo del tax credit (che comunque ci è stato molto utile). Siamo andati avanti, e, nonostante tutto, abbiamo ancora una volta rispettato il nostro modo di essere. Non abbiamo voluto togliere niente, al film. Anzi, gli abbiamo dato molto di più di quanto era stato preventivato, tutto quello che ritenevamo necessario: una troupe completa, nove settimane di riprese, 68.000 metri di pellicola kodak 35mm e tutto il resto. E la cosa ancor più sorprendente è che abbiamo pagato tutti. Se non fossimo stati “onesti”, come avremmo potuto produrre questo film?
Giovanni Madonna


NOTE DI REGIA
Il doloroso problema dell’eroina, che dalla fine degli anni Settanta fino ai primi anni Novanta ha dirottato molti giovani verso uno stato di coma interiore, annientandoli e uccidendoli, sembrava fosse stato ormai arginato a ciò che rimaneva di una generazione di “drogati”. La richiesta di “roba” (così, generalmente è chiamata l’eroina dagli acquirenti) aveva subìto un calo consistente, lasciando i numeri alti delle statistiche ad altre droghe, prevalentemente eccitanti, pur sempre motivo di preoccupazioni, ma certamente meno estreme: Perché essere tossicodipendente da eroina significa vivere quello e nient’ altro; significa aver acquisito quell’ unico modo di essere.

Poi, da qualche tempo ad oggi, l’eroina si fa sempre più spazio sul palcoscenico dello “sballo”, puntando a riprendersi il suo ruolo di protagonista incontrastata. I Ser.T e gli organi competenti registrano dati e percentuali che aumentano di giorno in giorno; negli ultimi due anni c’è stato un incremento dei consumi di eroina del 40% circa. Ma al di là dei numeri, resta una drammatica realtà che ci riguarda tutti: I giovani di nuovo alle prese con l’ eroina. Certo, il rapporto fra questi e la sostanza è momentaneamente diverso da quello che era una volta (oggi i ragazzi usano fumarla e credono di poterla facilmente gestire, motivo per cui non si ritengono “tossici”), ma la “roba” e i meccanismi che la controllano sul mercato sono identici, e spietati: Creano tossicodipendenti da eroina, oggi come ieri, inevitabilmente uguali. E uguali restano i motivi, o il motivo, per cui una persona si rifugia in lei.

Una tragedia imminente, quindi, che mi ha trascinato fra i miei ricordi lontani, quando, ventenne, ho conosciuto molto da vicino il mondo dell’eroina. Mi sono sentito prendere da una profonda angoscia. Mi sono passati nella mente tutti quei miei amici che non ci sono più. Ho ricordato la solitudine; il vuoto. Ho pensato al futuro dei miei figli (un ragazzo e una ragazza di diciassette e quindici anni), ai giovani, a quello che potrebbe di nuovo accadere. Mi sono ritrovato con un innocente bisogno di fare qualcosa. Ma cosa?

E’ vero, questo è uno di quei problemi che andrebbe curato alle sue origini. Basterebbe, per esempio, proporre delle valide alternative ai sogni; o, quanto meno, per non cadere nel retorico discorso della “società ideale”, basterebbe prendere coscienza che la vita è esattamente quello che appare (almeno fino ai prossimi due o tremila anni), e che i sogni fanno parte di questo apparire, quindi, nella loro bellezza ed energia, hanno un fine sicuramente meno importante dell'essere. E che essere, comunque, significa anche vivere questa vita, così com’è, al di là dei sogni.
Io sono sempre stato convinto che l’eroina non la si incontri per caso. Anche il discorso delle “cattive compagnie” lo trovo semplicistico: le “cattive compagnie” ce le andiamo a cercare, inconsapevolmente, quando crediamo che queste ci possano dare qualcosa di cui abbiamo bisogno. Non sappiamo bene, cosa. Ma qualcosa che stiamo cercando senza nemmeno saperlo; perché, senza saperlo, vogliamo allontanarci dalle nostre frustrazioni.

Può succedere, poi, che le “cattive compagnie” ci facciano incontrare la droga, e che troviamo in lei la nostra via di fuga. Ma, sicuramente, se non avessimo incontrato lei, avremmo cercato altrove. Saremmo potuti diventare, probabilmente, di quei signori che ammazzano le vecchiette nei giardini pubblici (magari solo per avere il proprio nome sulle prime pagine dei giornali); o di quei pedofili o stupratori sempre pronti a prendersela con il mondo. O avremmo continuato a vivere la nostra vita senza vita, sempre nell’inconsapevole ricerca di una morte, fino alla morte.
Quindi, evitare di incontrare l’eroina potrebbe portare a conseguenze ancora più gravi?

E’ possibile! Ma io ho fiducia negli esseri umani, credo molto nella potenzialità che abbiamo dentro; e, senza volermi inoltrare in discorsi utopistici in cui si parlerebbe di “libertà interiore”, sono sicuro che una via di uscita esiste. Basterebbe riuscire a convivere con quel dio che è in ciascuno di noi, sentirlo, riconoscerlo. E’ quella parte pura e incontaminabile della nostra anima. E’ quel dio che ci fa commuovere, che ci fa piangere di gioia o di dolore… Credo che sia proprio quel dio, l’ amore, che può aiutarci a superare ogni ostacolo che la vita ci pone davanti.
Allora, mi sono detto, la tossicodipendenza potrebbe diventare uno strumento per parlareanche dell’amore, o soprattutto dell’amore.
Queste mie riflessioni, le ho memorizzate, a penna, su tanti fogli che ho accumulato.
Così, senza rendermene conto, avevo già scritto il progetto di questo film. Si, si trattava proprio di un film! Ecco cosa volevo fare: Un film.

L’idea di tornare alla mia grande passione, il cinema; al mio vecchio lavoro; di fare il mio primo lungometraggio, dopo tanti anni in cui non ci pensavo proprio più, mi emozionava molto. Sono partito subito con la sceneggiatura.
Avevo già capito che per rendere più comprensibile la tossicodipendenza, non sarebbe stato sufficiente fotografare la realtà, dire quello che un “tossico” fa. Avrei dovuto dire, invece, quello che un “tossico” è. Avrei dovuto raccontare il suo mondo interiore, per farne scorgere quei segreti accantonati fra i nascondigli dell’anima.
Tutto ciò che stava prendendo forma nella mia mente mi faceva capire che, la realtà, avrei dovuto rappresentarla.

Rappresentarla, per me, significa spingerla all’eccesso, portarla all’estremo, da far crescere lo spazio che la raffigura in modo tale che tutti possano trovarvi un posto.
Il dialogo, la recitazione, la messa in scena, l’inquadratura, l’intero complesso degli elementi che il mezzo cinematografico offre, passano attraverso un filtro che scompone la realtà in segmenti di intime riflessioni, e poi la ricompone in una realtà inevitabilmente più vera, forse per la prima volta comprensibile.
Inoltre, non potevo non considerare che la tossicodipendenza da eroina, in quanto estrema, è, di per sé, la rappresentazione di ogni forma di dipendenza; quindi, “rappresentare”, significava anche creare un’assonanza fra la mia rappresentazione e quella già esistente.

Per realizzare ciò che avevo scritto nella sceneggiatura, è stata indispensabile una lunga e meticolosa preparazione. Basti dire che sono stati necessari oltre sette mesi di assidui provini per la scelta degli attori (ne ho provinati centinaia, dal ruolo protagonista ai piccoli ruoli). Era fondamentale, per me, che gli attori affrontassero il dialogo come si affronta un testo teatrale, nel rigoroso rispetto delle battute. Ma, essendo un dialogo “letterario”, e trattandosi di cinema, c’era il rischio di poter cadere nel goffo e nel retorico da un lato, e nel finto e nel macchinoso dall’altro. La maggiore difficoltà era trovare la linea di equilibrio e percorrerla senza cadere. Per risolvere questo problema; per costruire i personaggi e mettere a fuoco i dettagli, ho avuto con gli attori una serie di incontri, seduti al tavolino come si fa in teatro, da molto prima dell’inizio delle riprese. Voglio veramente ringraziarli.

Così come ringrazio tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione di questo film, parlo anche dei macchinisti e degli elettricisti, che con passione e dedizione hanno lavorato senza mai farmi sentire il peso della mia pignoleria. Un grazie particolare a Giovanni Madonna, che ancor più di me ha avuto il coraggio (o l’incoscienza) di produrre questa pellicola; a Maurizio Dell’Orco, che con grande sensibilità artistica ha saputo interpretare il mio pensiero; e al M° Nicola Piovani, perché quando ho ascoltato per la prima volta le musiche di questo film, ho pianto di gioia.
[Francesco A. Castaldo]
[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Il sesso aggiunto oppure [+] scrivi recensione e vota Il sesso aggiunto

Vota, leggi trama e opinioni su Il sesso aggiunto di Francesco Antonio Castaldo - Torrent, scaricare Il sesso aggiunto di Francesco Antonio Castaldo, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Shadow Dancer, Sesso and potere, Sennen No Yuraku, Segnali dal futuro, Scream 3, Scorpions Forever and a Day, Sapori e dissapori, Safe, La scelta di Barbara

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming