Su Re di Giovanni Columbu

Recensioni Film - Per dire la tua sul cinema! [+] Recensisci e Vota

Dati principali, scheda, locandina, manifesto cinema, info, curiosità per Su Re - [Trama, giudizi e opinioni]
Altri film, opinioni, recensioni, informazioni - Altri film diretti da Giovanni Columbu - Correzioni/Aggiunte - Video YouTube di Giovanni Columbu Su Re - Cerca e trova - Stampa pagina - Condividi su
Crea i tuoi CD DVD e presentazione azienda con CDFrontEnd, il tuo Sito con EasyWebEditor, i tuoi ebook con EBooksWriter - VisualVision.it
 



locandina Su Re
 
Regista: Giovanni Columbu
Titolo originale: Su Re
Durata: 80'
Genere: Drammatico
Nazione: Italia
Rapporto:

Anno: 2012
Uscita prevista: 21 Marzo 2013 (anteprima),28 Marzo 2013 (cinema)

Attori: Fiorenzo Matu, Pietrina Menneas, Tonino Murgia, Paolo Pillonca, Antonio Forma, Luca Todde, Giovanni Frau, Bruno Petretto, Ignazio Pani, Carlos Sannais
Sceneggiatura: Giovanni Columbu, Michele Columbu

Trama, Giudizi ed Opinioni per Su Re (clic qui)...In questa pagina non c'è nemmeno la trama per non fare spoiler in nessun caso.
 
Fotografia: Massimo Foletti, Uliano Lucas, Francisco Della Chiesa, Leone Orfeo
Montaggio: Giovanni Columbu
Scenografia: Sandro Asara
Costumi: Elisabetta Montaldo
Trucco: Desiré Palma

Produzione: Luches Film, Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna, Comune di Cagliari, ANCI Sardegna, Cagliari Opera House
Distribuzione: Sacher Distribuzione

La recensione di Dr. Film. di Su Re
Nessun commento di Dr.Film per ora...

LEGGI e SCRIVI opinioni e recensioni su Su Re
Opinioni e recensioni su Su Re, clic qui...

Colonna sonora / Soundtrack di Su Re
Potrebbe essere disponibile sotto, nei dati aggiuntivi (clic qui).

Informazioni e curiosità su Su Re


Note dalla produzione:
L’idea di questo film risale a diversi anni fa. Mi trovavo a Roma, nella chiesa di Santa Maria in via Lata, e fui colpito da una tavola che riportava su quattro colonne i brani dei Vangeli che descrivono i patimenti inflitti a Gesù.
Quelle descrizioni mi fecero pensare a diversi testimoni che avessero visto e poi raccontato lo stesso fatto in base alla propria percezione. Lo stile impersonale dei singoli testi sembrava trasformarsi, rinviare ai raccontatori e rivelare il tono incerto ma ancora più verosimile di un ricordo.
Provai nei giorni successivi a leggere il Vangelo trasversalmente, passando da un testo all’altro, e scoprii che il racconto assumeva un’imprevista forza drammatica. Come mai in precedenza avvertii il dolore della tragedia che si narrava e la sofferta esperienza di tutte le umane vicissitudini. Fu allora che pensai a un film sul Vangelo, in cui le scene si ripetessero, quasi come nel “Rashomon” di Kurosawa.
Avrei trasposto la storia in Sardegna, perché è il mondo che amo e meglio conosco, permeato di valori che in certi casi sembrano rifarsi all’Antico piuttosto che al Nuovo Testamento.
Due universi molto distanti nello spazio e nel tempo si sarebbero incontrati, senza stupirsi l’uno dell’altro, trovando riscontro nella realtà di quel sogno che è nell’animo di molti, scoprire Gesù, qui, tra noi.
Nel corso della realizzazione, confrontando il progetto con gli esiti che man mano emergevano, l’idea dei “passi paralleli” riferiti ai singoli evangelisti ha lasciato il posto a un’idea forse meno ambiziosa ma altrettanto affascinante, quella di un sogno, in cui gli accadimenti si ripropongono nella loro perdurante drammaticità e in una sequenza non lineare. Proprio come nell’esperienza del ricordare rituale e collettivo che è la messa cristiana.
Ha invece preso risalto l’idea della trasposizione in Sardegna. Un’idea che ha un precedente nella pittura più che nel cinema. Modificando le coordinate geografiche e storiche dei fatti accaduti, le vicende originali tornano a vivere in una luce nuova e si arricchiscono di nuovi possibili significati.
Giuda, interpretato dal giovane Antonio Forma, è forse prossimo all’”eroe che si sacrifica con infamia”. Pilato, interpretato da Paolo Pillonca, appare condannato al confronto con la parte rimossa di sé, quella emotiva e femminile, rappresentata dalla moglie, la donna che nel Vangelo di Matteo, dopo avere sofferto in sogno, gli manda a dire: “non avere a che fare con quel giusto”. Maria, interpretata da Pietrina Menneas, è madre mediterranea, dolorosa e piangente ma anche orgogliosa e forte, interprete di un inesorabile principio di giustizia.
Di fronte a Pilato e al popolo che chiede la morte di Gesù, Maria afferma l’innocenza del figlio e implicitamente enuncia la condanna dei suoi aguzzini.

L'IMMAGINE DI GESU'
L’immagine di Gesù differisce dall’iconografia pittorica e cinematografica. Corrisponde all’unica descrizione che precede i Vangeli,quella contenuta nella profezia di Isaia
“...non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per potercene compiacere”.
L’interprete, Fiorenzo Mattu, è dunque “non bello” o dotato di un’altra bellezza. La sua
immagine rimanda alla dimensione interiore visibile solo ai “puri di cuore” a cui, come è
detto nel Discorso della Montagna, è riservato il privilegio di vedere Dio.
Lo stesso interprete, nei primi giorni di ripresa era stato scelto per fare Giuda. Poi, è diventato Gesù, mentre Gesù, prima interpretato da Giovanni Frau, è diventato l’apostolo Giovanni.

GIRANDO SU RE
Dopo anni di lavoro alla sceneggiatura, al momento delle riprese, la sceneggiatura era dimenticata, o ridotta a una serie di appunti.
Sul set ci limitavamo a leggere un passo del Vangelo, davo delle istruzioni e procedevamo con la messa in scena. Nessuna prova, per non perdere la freschezza, ma diverse ripetizioni anche a distanza di tempo. A volte, mentre le macchine da presa stavano già girando, introducevo un cambio delle battute o uno sviluppo delle azioni, per costringere gli attori a improvvisare e interagire. Oppure, per fare crescere la tensione, senza preavviso, domandavo cose che sapevo essere più o meno impossibili, come proseguire la recitazione senza usare parole.
E le emozioni dovevano crescere, anche per l’impossibilità di parlare, e se possibile diventare incontenibili, ma non si dovevano mai mostrare. E gli operatori dovevano riprendere tutto, come di fronte a un accadimento reale e inaspettato, con uno stile che in certi casi somigliava necessariamente a quello del documentario.
La cosa importante era sfuggire alla preordinazione della messa in scena e agli effetti condizionanti di un immaginario frutto di innumerevoli precedenti rappresentazioni.
E accendere gli animi, generare subbuglio, suscitare il pianto, tornare a scoprire e fare rivivere i fatti che potevano avere ispirato quelle parole essenziali e apparentemente distaccate del Vangelo. In questa ricerca, una soluzione che si è rivelata utile per quanto riguarda il modo di effettuare le riprese è stata l’introduzione di una seconda unità di ripresa indipendente dalla regia e affidata a un grande fotografo, Uliano Lucas, al quale diedi il mandato preciso di fare quel che voleva e di non dirmelo anticipatamente.
Il risultato meraviglioso è stato allontanare il punto di ripresa dalla prima macchina e da me, ovvero dal fronte a cui era inevitabilmente rivolta la costruzione della scena. E rendere possibile l’osservazione della stessa scena dall’esterno, da punti di vista laterali, scomodi e non già concepiti in funzione di quello che sarebbe accaduto.
Punti di vista che soprattutto io, il regista, dovevo ignorare. Perché era chiaro che in quella ricerca di verità anche e forse soprattutto le intenzioni e le attese del regista potevano essere di ostacolo.

GLI INTERPRETI
Gli interpreti sono tutti non professionisti, estranei ai codici del cinema, del teatro e generalmente anche della liturgia religiosa, ma tutti dotati di una straordinaria predisposizione a recitare. Si avvalgono forse di un’altra scuola, quella impropria del racconto orale e dell’improvvisazione canora, molto diffusa in Sardegna.
Come i personaggi del Vangelo, provengono da zone diverse, di mare e di terra, e parlano diversi dialetti. In loro c’è anche una speciale indifferenza ai mezzi di ripresa che ho sempre ammirato. Ma l’esperienza più nuova e più stimolante in questo film è avere coinvolto gli interpreti provenienti da alcuni centri di salute mentale. Di questi interpreti mi ha molto colpito il modo di partecipare a un accadimento.
Assistono rivolgendo lo sguardo altrove o con gli occhi bassi o come rivolti dentro se stessi, quasi che quell’accadimento lo stessero vivendo interiormente.

LA PRODUZIONE
Le difficoltà maggiori le abbiamo avute nel reperire le risorse finanziarie. Dopo una quantità di risposte negative e un micidiale periodo di stallo, decisi di reagire e feci una conferenza stampa in una chiesa, a Cagliari, dove lanciai una sottoscrizione pubblica. Un’iniziativa così azzardata che a posteriori non la consiglierei a nessuno.
Quell’iniziativa che non so se si dovesse definire disperata o animata da una fiducia tanto irriducibile quanto irrazionale, mi ha permesso di mantenere vivo il progetto e per circa un anno incontrare tantissime persone. Raccontavo il film e mi ascoltavano affascinati, anche i preti, come se raccontassi una storia mai sentita. Non potendo fare un film lo raccontavo. Gli incontri duravano novanta minuti, come un film. Avevo creato un nuovo genere di spettacolo. Fu allora che cominciarono ad arrivare gli aiuti di una certa consistenza, prima da qualche comune e dalle Province, poi dalla Regione sarda.
Chi mi ha dato fiducia fin dall’inizio, oltre ad alcuni amici, sono stati Don Mario Cugusi, parroco nella chiesa del mio quartiere di Cagliari, e Don Antonio Pinna, consulente esegetico e vicepreside della Facoltà Teologica, da cui ho dovuto difendermi tanto erano liberi certi suggerimenti. Poi Nanni Moretti, che dopo avermi interrogato in catechismo (materia in cui mi scoprii poco preparato) vide le prime sequenze e di lì a poco confermò la distribuzione della Sacher. A lui devo anche molti aiuti ricevuti soprattutto nella fase di post produzione.

COSTUMI
Oltre ai 400 costumi preparati per il film in collaborazione col teatro Lirico di Cagliari hanno un rilievo fondamentale i costumi e gli abbigliamenti rintracciati sul campo.
Gli stessi interpreti infatti concorrono alla messa in scena come per dare vita a uno psicodramma, vestiti spesso con i loro indumenti dismessi e con i loro costumi più antichi che si affiancano surrealisticamente alle armature romane.
In una ambientazione atemporale, ma che precede l’industrializzazione e la luce elettrica, convivono abbigliamenti tanto diversi e suggestivi da far apparire la Sardegna come un universo fantastico anche sotto il profilo del costume.
Gli abbigliamenti maschili più primitivi, con mantelli neri di lana o pelli fino ai piedi, richiamano i bronzetti nuragici; quelli più moderni sono di velluto e con gambali, le donne hanno camicie e gonne plissettate come si usano ancora.



con la consulenza PONTIFICIA FACOLTÀ TEOLOGICA DELLA SARDEGNA, in collaborazione con TEATRO LIRICO DI CAGLIARI, col contributo AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CAGLIARI, AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI NUORO, AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI ORISTANO, FONDAZIONE BANCO DI SARDEGNA, produttori associati ANCI-SARDEGNA, COMUNE DI CAGLIARI, COMUNE DI CARBONIA, COMUNE DI OLBIA, COMUNE DI SOLEMINIS, COMUNE DI NURAMINIS, COMUNE DI SANT’ANTIOCO, COMUNE DI FORDONGIANUS, Comune di Albagiara, Comune di Assolo,
Comune di Baradili, COMUNE DI MARTIS, Comune di Curcuris, Comune di Gonnosnò, Comune di Mogorella, Comune di Morgongiori, Comune di Nureci, Comune di Pompu, Comune di Senis, Comune di Sini, Comune di Siris, Comune di Villa Verde, Comune di Villaurbana COMUNE DI GAVOI, COMUNE DI OVODDA, COMUNE DI SARULE, COMUNE DI OLZAI, COMUNE DI OLLOLAI, COMUNE DI OROTELLI, COMUNE DI LODINE, COMUNE DI ONIFERI, UNIONE COMUNI DELLA BARBAGIA, CONSORZIO DUE GIARE, FASI-ITALIA, CIRCOLO SARDA TELLUS DI GENOVA
CECILIA NONNIS, DON MARIO CUGUSI, PIETRO PORCELLA, MARIO PUDDU, GRAZIELLA COLUMBU, NANNI MORETTI, MARIO CARBONI, FRANCO PESSANI, GIOVANNI CABONI, CRISTINA PISANO, PAOLO FRESU, ANTONELLO GRIMALDI, ANTONIO CIPRIANI, CRISTINA DESSI’, ELIZABETH EUVRARD, NOEL THOMAS, FRANCO STAFFA, COSTANTINO PALMAS, BRUNO BAGEDDA, GABOR PINNA, EFISIO DEMARTIS, PIERGIORGIO MELI, PARROCCHIA DI SANT’EULALIA, PARROCCHIA DI SAN NICOLO’ DI GUSPINI, PARROCCHIA DI SAN LUCA, HOTEL SANDALIA, ASSOCIAZIONE ITALIA-INGHILTERRA, ASSOCIAZIONE RIPRENDIAMOCI LA SARDEGNA, UNIVERSITA’ DELLA TERZA ETA’ DI QUARTU SANT’ELENA, UNIVERSITA’ DELLA TERZA ETA’ DI GAVOI, PAOLA ATZENI, BIRGIT WAGNER, DELIA ZANGELMI, MIETTA ALBERTINI, ETTORE PASCULLI,
ENRICA RIGOLDI, MARGHERITA COPPOLA, ANNA ADDIS, SILVANA PISCEDDA, PALMIRA AIRI, GIOVANNI MELIS, PIETRO MOSTALLINO, SACHER FILM, CENTRO DI SALUTE MENTALE DI CAGLIARI
[an error occurred while processing this directive]
[+] aggiungi informazioni e curiosità su Su Re oppure [+] scrivi recensione e vota Su Re

Vota, leggi trama e opinioni su Su Re di Giovanni Columbu - Torrent, scaricare Su Re di Giovanni Columbu, streming

Questo sito è gestito con HyperPublish e molto olio di gomito.
Questo è un sito di cinema film movies amatoriale: le informazioni provengono dai miei studi, dal contributo degli utenti e da fonti reperibili nel pubblico dominio. Non posso garantire la validità delle informazioni ma faccio del mio meglio. Posso inoltre garantirti la mia onestà quando dico che un film è bello. Aggiungi anche tu la tua opinione e fai sapere a tutti senza limiti come è il film! Ti invito ad andare al cinema, non è bello scaricare torrent guardare streaming vedere megavideo striming divx emule movies nemmeno in anteprima. I copyright dei film / movies appartengono ai rispettivi proprietari.



Qualche film interessante: Sexual predator, Senza lasciare traccia, Secrets of the Code, Scream, Sanguepazzo, S.B. Io lo conoscevo bene, Lo squalo, Le sentiment de la chair, Sole, cuore, amore

Film in ordine alfabetico: 9.99…20 D 20 F…50 V 500 …UNA - ...A…A PR A PR…ACQU ACRI…AH S AI C…ALIL ALL …AMAZ AMAZ…AMOR AMOR…ANIJ ANIM…APPU APPU…ASPR ASSA…AVVI AWAK…L'AM L'AM…LE A LE A…UN A UN A…UN'A - A BE…BALL BALT…BE K BE L…BENV BENV…BING BIOS…BLOO BLOO…BOX BOXI…BULW BUMA…LA B LA B…THE THE …UNA - ...C…CAPT CAPT…CAVA CAVA…CHE CHE …CICO CIDA…CODI CODI…COMM COMM…COSA COSA…CUCC CUOR…IL C IL C…LA C LA C…PORC THE …UNA - ...E…DEAD DEAD…DEST DEST…DIRT DIRT…DORI DORM…DUE DUE …LA D LA D…UNA UNA …UNA - ...E…EFFE EFFE…EMPI EMPL…EVAN EVAN…L'ES L'ES…UN'E - A FA…FAUS FAUS…FINO FINO…FRA FRAG…FROZ FRUI…I FR I FR…LA F LA F…UNA - A GL…GET GET …GIOV GIOV…GOMO GOMO…GRIN GRIZ…IL G IL G…LE G LE G…UNA - A HI…HARR HARR…HESH HESH…HONE HONE…HUNG HUNG…UN H - GLI …IMMO IMMO…INCO INCR…INTE INTE…IQBA IRAQ…L'IN L'IN…UN'I - I JO…JESU JET …JOYF JU T…THE - K.36…KING KING…THE - A LE…LAND LAND…LEGE LEGI…LIBE LIBE…LONT LONT…LULU LUMI…UNA - A MA…IL M IL M…LA M LA M…MAES MAGA…MANS MANS…MATE MATE…MENO MENO…MILO MIMZ…MO'J MOLI…MO'T MOTO…MY G MY I…UN M UN M…UNA - I NO…NARU NARU…NEMM NEMM…NO ( NO -…NON NON …THE THE …UNA - GLI …OCTA OCTO…ONDE ONDE…ORO ORO …UN'O - O - …IL P IL P…LA P LA P…PANE PANE…PASS PASS…PEPP PEPP…PICC PICC…PLAT PLAY…PRAI PRAN…PROF PROF…THE THE …UNE - A QU…QUEE QUEE…THE - I RA…LA R LA R…RAIN RAIS…REMB REMB…RIDE RIDI…ROBO ROCC…THE THE …UNA - O - …IL S IL S…LA S LA S…SALE SALI…SCAR SCAR…SECO SECO…SETT SEVE…SHOR SHOR…SKOO SKY …SOLO SOLO…SPAC SPAC…STAR STAR…STRE STRE…SUR SUR …THE THE …UNO - I TE…TADP TAFA…TEMP TEN …THE THE …TI V TI V…TORO TORQ…TRE TRE …TURI TURI…TWO TWO …UNA - GLI …L'UO L'UO…UNDE UNDE…UZAK - A VE…LA V LA V…VAJO VALD…VERO VERO…VIRG VIRT…VUOT - I WA…WARC WARC…WILD WILD…WWW - X - Y - Z
Registi in ordine alfabetico: 0..9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Cerca...
RecensioniFilm.com 2017 tutto il Cinema raccontato dal pubblico - Accordi - Software - Crea Ebook - Screen savers - Privacy e cookies - Contatti, suggerimenti - Film senza limiti - Streaming